Tribunale UE, il movimento STOP TTIP è valido e va preso in considerazione


Da Mattia Petterlini, riceviamo e pubblichiamo un aggiornamento sulla petizione L’Italia si opponga all’accordo TTIP! rivolta a:
Presidente del Consiglio dei Ministri
Governo Italiano
Dipartimento per le politiche europee
Mipaaf – Ministero Politiche agricole alimentari forestali
Maurizio Martina – Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali
Beatrice Lorenzin – Ministro della Sanità
Gian Luca Galletti – Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare
Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale

Tribunale UE, il movimento STOP TTIP è valido e va preso in considerazione

11 MAG 2017 — Un saluto a tutti i firmatari,

oggi dopo lunga assenza vi aggiorno con un’importante notizia, il tribunale europeo ha annullato la decisione della Commissione europea di non registrare la proposta di iniziativa dei cittadini europei STOP TTIP.
Viene presentata una breve cronistoria, dalla nascita del movimento STOP TTIP alla sentenza del Tribunale Eu del 10 Maggio 2017:

-15 luglio 2014 il movimento europeo StopTTIP fa domanda di registrare la proposta di iniziativa dei cittadini europei “STOP TTIP” alla Commissione Europea.

-11 Settembre 2014 la richiesta viene respinta dalla Commissione Europea. Il movimento presenta ricorso presso il Tribunale Eu per invalidare la decisione presa dalla commissione.

-Tra il 7 Ottobre 2014 ed il 6 Ottobre 2015 il movimento europeo StopTTIP raccoglie più di 3milioni e 200mila firme in tutta Europa.

-Dal 6 Ottobre 2015 ad oggi le firme raccolte sono più di 3milioni e 500mila.

Il 10 Maggio 2017 il Tribunale Eu accoglie il ricorso e annulla la decisione della Commissione, ne consegue che la Commissione europea dovrà accettare e registrare la richiesta dell’iniziativa della cittadinanza: “A tal proposito, il Tribunale osserva in particolare che il principio di democrazia, che fa parte dei valori fondamentali su cui poggia l’Unione, così come l’obiettivo sotteso alle iniziative dei cittadini europei (vale a dire migliorare il funzionamento democratico dell’Unione attribuendo a qualunque cittadino un diritto generale a partecipare alla vita democratica) impongono di adottare un’interpretazione della nozione di atto giuridico che includa atti giuridici come una decisione di avvio di negoziati finalizzati alla conclusione di un accordo internazionale che (come il TTIP o il CETA) mira incontestabilmente a modificare l’ordinamento giuridico dell’Unione. …Il Tribunale constata, inoltre, che non è giustificata l’esclusione da tale dibattito democratico degli atti giuridici volti alla revoca di una decisione che autorizza l’avvio di negoziati finalizzati alla conclusione di un accordo internazionale, così come degli atti volti ad impedire la firma e la conclusione di tale accordo.”
“…L’obiettivo perseguito dell’iniziativa dei cittadini europei, infatti, è quello di permettere ai cittadini dell’Unione di partecipare maggiormente alla vita democratica dell’Unione, in particolare, esponendo in dettaglio alla Commissione le questioni sollevate con l’iniziativa, invitando detta istituzione a sottoporre una proposta di atto giuridico dell’Unione dopo aver, se necessario, presentato l’iniziativa in un’audizione pubblica organizzata presso il Parlamento, e, pertanto, suscitando un dibattito democratico senza dover attendere l’adozione dell’atto giuridico del quale è in definitiva auspicata la modifica o l’abbandono.”

(tratto dalla sentenza del Tribunale Eu del 10 Maggio 2017: http://bit.ly/2pzR1Gy )

Questo risultato è molto importante, ma non comporta l’annullamento dei trattati TTIP e CETA. Ora vedremo cosa accadrà a livello europeo e come si muoverà il movimento europeo StopTTIP, certamente questo è un importantissimo risultato di democrazia.

Per approfondire: http://www.agenparl.com/tribunale-ue-niente-stop-allo-stop-ttip/
Firma anche tu la petizione al seguente indirizzo di change.org: https://www.change.org/p/l-italia-si-opponga-all-accordo-ttip-paologentiloni?source_location=minibar

Grazie

GEOPOLITICA

Informazioni su Luciano Bonazzi

Writer, traveler, Pastor & Protestant Missionary, I deal with geopolitics, various news, social issues, disabilities. / Scrittore, Viaggiatore, Pastore Protestante Missionario. Mi occupo di Geopolitica, notizie varie, tematiche sociali, disabilità.

Precedente Francia: Emmanuel Macron, utile idiota dell'islamismo Successivo Libertà per il giornalista Tommy Robinson, vittima del "Politicamente Corretto!"