#Syria Flash news dai fronti al 15-3-2018 by Stefano Orsi


Aggiornamento flash dai fronti siriani del 15-3-2018

Procede spedita la liberazione delle cittadine nella fu sacca del Ghouta est, questa mattina e anche nel pomeriggio, centinaia di famiglie, migliaia di civili sono uscite attraverso i varchi umanitari da Irbin da HamuryaH e da Saqba, da queste ultime due i civili hanno comunicato che i terroristi si sarebbero ritirati in massa e loro così hanno potuto uscire e approfittare dei varchi umanitari per mettersi in salvo, a riprova del fatto che fossero obbligati a restare dentro le zone di combattimento per essere usati come scudi umani.
Le forze speciali siriane sono già entrate e hanno preso il controllo di Hamoryah, ora attendiamo che si posizionino in breve anche su Saqba.

Il ritiro progressivo dei terroristi è un’ottima notizia, significa che potrebbero aver optato per una futura resa, di certo le grandi manifestazioni di protesta da parte delle popolazioni residenti contro la loro occupazione e per la cacciata dei terroristi non li ha rassicurati, immagino che i coscritti forzati di questi anni, abbiano già disertato e siano tornati con le loro famiglie. ho potuto constatare che diversi civili, accompagnassero le loro famiglie armati di mitra, l’immancabile AK47, per proteggere i loro cari da eventuali attacchi degli jihadisti.

Anche Jisrin è per metà libera, speriamo venga confermato il ritiro jihadista da Saqba.
Nella sacca-nord del Ghout est, le truppe siriane avanzano verso Duma, oggi in questa città,durante la tregua umanitaria sono arrivati gli aiuti umanitari, camion con generi di prima necessità per la popolazione, speriamo non accada come le altre volte in cui, i testimoni, hanno confidato che tutto venisse sequestrato dagli jihadisti, anche a causa di questo ci sono stati diversi scontri a fuoco con la popolazione locale.

Tra Al Shaffonyah e Al Rayahnah l’esercito siriano ha impiegato l’UR-77 un mezzo appositamente studiato per bonificare zone minate, con una potente esplosione provoca la detonazione delle cariche all’interno delle mine.
allego video esplicativo dell’anno scorso.


I combattimenti più violenti al momento risultano essere nella sacca a sud, segno che qui a Duma siano forse in corso colloqui per una eventuale resa.

Hama

Dalla sacca di Idlib, ieri era iniziata una offensiva dei terroristi filo-turchi, pensavano forse di trovare settori sguarniti essendo il grosso dell’esercito, almeno i reparti migliori, a combattere nella sacca del Ghouta est, invece non era così, le truppe siriane hanno lasciato sfogare l’offensiva colpendo le truppe in avanzata con l’aviazione e l’artiglieria e sferrando poi un contrattacco che li ha ricacciati per intero nei territori da cui erano partiti. Ottimo lavoro.

Afrin

Le forze jihadiste FSA filoturche, stanno occupando velocemente l’interno del cantone di Afrin, una volta curdo, Afrin non è ancora isolata, ma solo per precisa volntà turca, preferiscono che i civili se ne vadano verso il settore di Tall Rifat, ecco però oggi un video in cui una colonna di civili in fuga da Afrin viene fermata alla periferia della città da alcuni miliziani presumibilmente curdi che li bloccano, il tutto ripreso da un drone dell’esercito turco.

Per oggi è tutto

Stefano Orsi

Precedente Guerra di spie Londra-Mosca: Cosa combina la signora May? Successivo #Putin #UK, Gas Nervino: un passo avanti verso il 3° conflitto mondiale?