#Syria: Aggionamento dai fronti siriani del 21-5-2018


Da Stefano Orsi riceviamo l’aggiornamento dai fronti siriani del 21-5-2018: Buona lettura!

Damasco

Come abbiamo annunciato ieri, i pullman per il trasferimento dei terroristi ISIS dal quartiere di Yarmouk, sono arrivati presso le zone di esfiltrazione, gli ultimi sporadici combattimenti con qualche irriducibile hanno avuto luogo stamane. Alcuni di questi gruppi sono rimasti quindi isolati e tagliati fuori dal grosso delle truppe del Califfato che si è arreso, in queste ore esercito ed alleati palestinesi sono quindi chiamati ad un difficile lavoro di bonifica e pulizia dei gruppi residuali ma decisi probabilmente , a resistere fino all’ultimo.

La battaglia di Yarmouk non è stata una delle più lunghe, ricordo la lunga campagna che portò alla liberazione di Darya, altro sobborgo damasceno, o lo stesso Goutha orientale, ma di certo è stata una battaglia cruenta e sanguinosa, costata molte vittime tra le fila dei soldati siriani, tra cui anche uno dei figli del compianto Issam Zahareddine, morto in combattimento. Certamente il valore simbolico di ritrovare, finalmente, dopo ben 7 anni di guerra, tutta la provincia di Damasco libera da ogni forma e controllo di terrorismo, è davvero elevatissimo.

I cittadini di questa città e di tutti i sobborghi, potranno per la prima volta da anni, dormire senza il suono dei combattimenti, senza l’incubo di vedersi uccidere dai bomboloni bomba lanciati dagli hellcannon dei terroristi sulle zone abitate della città. Molte altre truppe si libereranno ora, probabilmente la Guardia Repubblicana verrà impiegata assieme alla 9 divisione e ai Palestinesi, in una prossima campagna a sud, per liberare interamente la città di Daraa e diversi settori non inclusi nelle zone di deescalation e porre fine anche ad una sacca ISIS che gode dei favori del confine con il golan occupato da israele.

Abbiamo già parlato della destinazione dei fuoriusciti, che si sono messi in viaggio verso quella sacca ISIS nel deserto di Deir Ezzour, dove , presto, troveranno il loro destino ad attenderli, forse non sono del tutto consci che una grossa offensiva siriana porrà fine entro breve anche a questa ultima sacca, comunque avranno modo di avvedersene.

Provincia di Hasakah

Siria occupata dagli USA

Ottime notizie ci giungono dalla provincia di Hasakah come già diversi segnali ed attentati lasciavano presagire, si sta intensificando la lotta armata dei siriani contro l’occupazione USA della parte ad est del fiume Eufrate, oggi un commando ha teso una trappola ad una colonna di veicoli dell’esercito americano, un ordigno esplosivo è stato piazzato lungo il percorso, a loro evidentemente noto, dove sarebbe transitato il convogli, al loro passaggio l’ordigno è stato fatto brillare uccidendo sul colpo tre soldati statunitensi e ferendone gravemente altri.

Nei giorni scorsi sono stati segnalati pesanti manifestazioni degli abitanti della zona di Raqqa, contro l’occupazione, segno che l’insofferenza si stia ormai diffondendo a macchia d’olio, presto per USA e loro mercenari curdi e arabi, questo settore potrebbe divenire come l’Iraq del dopo Saddam, un inferno, e la situazione peggiorerebbe certamente se dovessero arrivare eserciti di altri paesi occupanti come ad esempio l’Arabia Saudita che era, a detta di molti, uno dei maggiori sponsor dell’ISIS.

Stefano Orsi

خروج دفعة من الارهابيين قبل قليل عن طريق الزاهرة.أبو حيدرة.

Опубліковано ‎دمشق وريفها‎ 21 травня 2018 р.

Precedente #Syria News: Video Sitrep Nr.032 del 17 maggio 2018 by Stefano Orsi Successivo #Belgium: Il primo Stato islamico in Europa?//First Islamic State in Europe?