Salvaguardiamo la nostra salute!!NO AI GLIFOSATI

Campi trattati col diserbante erbicida glifosato. Roma, 4 marzo 2016. ANSA/CHAFER

Campi trattati col diserbante erbicida glifosato. Roma, 4 marzo 2016. ANSA/CHAFER


Da Giacomina Maltempi, riceviamo e pubblichiamo un aggiornamento sulla petizione “Salvaguardiamo la nostra salute!! NO AI GLIFOSATI!!”, rivolta a:
-Parlamentari europei, comitato permanente europeo per i prodotti fitosanitari e:
-Primo ministro Renzi
-Ministro della Salute Beatrice Lorenzin
-Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Maurizio Martina
-Università della Ricerca la Sapienza Roma
-Professor Veronesi

Salvaguardiamo la nostra salute!!NO AI GLIFOSATI

20 SET 2016 — Salve, l’attenzione per contrastare l’uso del glifosato in agricoltura da un po’ di tempo si sta arrestando. Forse dovremmo ridare una spinta consapevole affinché questo diserbante pericoloso per tutti noi e l’ambiente venga messo al bando una volta per tutte, aggiungendo nuove firme e condividendo con amici e conoscenti le nostre preoccupazioni.

In un comunicato stampa del 15 settembre il Presidente dell’AIAB (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica) Vincenzo Vizioli, si ritiene preoccupato per la fusione tra il gruppo farmaceutico tedesco Buyer e la multinazionale americana Monsanto. “Non solo – dice- il nuovo gigante economico sembra pensato appositamente per creare nuove malattie, attraverso l’utilizzo di pesticidi agricoli, e per introdurre sul mercato farmaci per curarle. Tutto ciò ci riempie di preoccupazione relativamente al nostro futuro di consumatori. Un’operazione che concentra ulteriormente il controllo delle sementi in poche e inquietanti mani e che restringe ulteriormente la biodiversità coltivata. L’Associazione italiana per l’Agricoltura Biologica, da sempre il prima linea contro il glifosato prodotto dalla Monsanto, definito cancerogeno dallo IARC, si augura che l’Italia, anche a seguito di questa fusione, prenda sempre più le distanze dai prodotti targati Monsanto, non solo quelli contenenti glifosato ma anche gli OGM che a questa sostanza risultano resistenti.
5z
Dopo il braccio di ferro in sede di Commissione europea per il rinnovo dell’autorizzazione all’utilizzo dell’erbicida e la successiva proroga per altri 18 mesi con alcune restrizioni all’utilizzo – dice Vincenzo Vizioli – ci aspettiamo che il governo italiano si pronunci in modo chiaro sulla questione per vietare totalmente, la pericolosa sostanza dall’agricoltura italiana, a partire dai PSR”. Allo stesso tempo, va mantenuto fermo il divieto verso gli OGM che, al netto delle conseguenze sulla salute ancora non del tutto dimostrabili nonostante lo stretto legame tra questi e l’erbicida cancerogeno, stanno consegnando il mondo intero a poche multinazionali. “Queste – conclude Vizioli – stanno azzerando la sovranità alimentare e quindi la democrazia impedendo ai popoli di scegliere il proprio modello agricolo e alimentare”.
Se non vogliamo farci prendere in giro da coloro che vogliono tenere sotto controllo la nostra salute, continuiamo a scegliere prati fioriti e terreni incontaminati. Firmiamo e facciamo firmare la petizione: Salvaguardiamo la nostra salute!! NO AI GLIFOSATI!!
0003
Firma anche tu la petizione al seguente indirizzo di change.org: https://www.change.org/p/salvaguardiamo-la-nostra-salute-no-ai-glifosati-matteorenzi-maumartina-bealorenzin
Grazie

I commenti sono chiusi.