Putin e Obama raggiungono un accordo per la pace in Siria.

01
Ieri 23 febbraio, dopo lunghe trattative diplomatiche, al termine di una telefonata tra Putin e Obama, la Russia e gli Stati Uniti hanno finalmente raggiunto un accordo che regola il cessate il fuoco in Siria. L’accordo è stato definito equilibrato e razionale, confermando le posizioni della Russia.

Siria: accordo tra Obama e Putin per una tregua, russi organizzano la caduta di Aleppo video it.euronews.com/
Il cessate il fuoco tra le forze della coalizione Russo-Siriana e l’asse Americano dovrebbe entrare in vigore il 27 febbraio. Durante le trattative diplomatiche, la Russia è riuscita a garantire un accordo che rafforza la lotta contro il terrorismo Jihadista, consentendo di raggiungere la normalizzazione delle relazioni tra il presidente Bashar al-Assad e le richieste della minoranza d’opposizione.

L’annuncio di Vladimir Putin, per ora in lingua russa, sull’adozione della risoluzione congiunta tra Russia e Stati Uniti per la Siria video www.voltairenet.org/it
Le condizioni del cessate il fuoco sono state stabilite accuratamente: 1) Il 26 febbraio a mezzanotte, i combattimenti cesseranno e l’opposizione deporrà le armi nei territori liberati dall’ISIS. 2) I combattimenti continueranno solo nelle zone ancora in mano allo Stato Islamico, ad Al Nusra e ai gruppi considerati terroristi dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.
La scorsa settimana, l’opposizione ad Assad, si era detta favorevole a una tregua temporanea, purché Russia, Iran e altre milizie, tra cui i Curdi, smettessero di attaccare loro e Jabhat al-Nusra, gruppo quest’ultimo, considerato terroristico dalle Nazioni Unite. Ora che Al Nusra, ultimo scoglio da superare, è stato isolato, di fronte alla possibilità di raggiungere la pace, l’opposizione Siriana ha dovuto accettare l’accordo. Questa è una vittoria della diplomazia Russa, che non sfavorendo l’opposizione anti-Assad, contemporaneamente non confligge con gli interessi Statunitensi.
01
Immediatamente, il presidente siriano Bashar al Assad s’è detto pronto a rispettare il cessate il fuoco concordato per il 27 febbraio prossimo, inoltre ha emesso un decreto che fissa al 13 aprile le prossime elezioni legislative, adempiendo la richiesta del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che aveva adottato una risoluzione perché si tenessero le presidenziali e le parlamentari entro 18 mesi sotto controllo Onu.

Luciano Bonazzi

Fonti>
-http://www.tgcom24.mediaset.it/
-http://it.radiovaticana.va/
-http://www.repubblica.it/
-it.euronews.com/
-http://reseauinternational.net/
-http://russiepolitics.blogspot.it/
-http://www.voltairenet.org/it
-www.intelligonews.it

GEOPOLITICA

Informazioni su Luciano Bonazzi

Writer, traveler, Pastor & Protestant Missionary, I deal with geopolitics, various news, social issues, disabilities. / Scrittore, Viaggiatore, Pastore Protestante Missionario. Mi occupo di Geopolitica, notizie varie, tematiche sociali, disabilità.

Precedente ALLARME NUCLEARE: L'ARABIA SAUDITA HA LA BOMBA... Successivo Grecia: Il popolo insegue le squadre antisommossa del Regime.