Perché la Farnesina sconsiglia di recarci nella pacifica TRANSNISTRIA?

12118869_190132207989864_1473499362498350141_n
Dal Comitato Pridnestrovie-Transnistria-Russia riceviamo e pubblichiamo:

LA FARNESINA SPIEGHI PER QUALE MOTIVO SUL SITO INTERNET DELL’UNITÀ DI CRISI, SCONSIGLIA VIAGGI NELLA REPUBBLICA DI PRIDNESTROVIE (TRANSNISTRIA).

Dal luglio di quest’anno il sito internet “Viaggiare Sicuri” dell’Unità di Crisi della Farnesina, Ministero italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, sconsiglia viaggi nella regione della Transnistria, senza che allo stesso avviso sia data alcuna reale motivazione.
Contattata la Centrale Operativa, a Roma, la stessa non ha saputo fornire motivazioni in merito.
Troviamo vergognoso che l’Italia si presti a questa farsa, contribuendo a demonizzare e danneggiare il turismo e gli affari economici e commerciali della Repubblica di Pridnestrovie (Transnistria), già fortemente danneggiata e ostacolata dal nuovo corso ucraino, imposto dal Governo Poroshenko, e della vicina Repubblica di Moldova, più per motivazioni geopolitiche che per reali pericoli: la Repubblica di Pridnestrovie a seguito di un referendum sostenuto da circa il 90% della popolazione, ha infatti richiesto ufficialmente, dal 2006 e nuovamente nel 2014, la riunificazione con la Federazione Russa.
Non vorremo che i più o meno velati boicottaggi siano frutto di una politica che dopo le autolesioniste sanzioni alla Russia intende ancor più scavare un fossato tra l’Italia, la Federazione Russa e il suo Presidente Vladimir Putin.
Il comitato ha provveduto ad informare, con una lettera in russo, anche il Presidente della Repubblica di Pridnestrovie, Yevgeny Shevchuk.
Invitiamo quindi la Farnesina a fornire pubblicamente delle spiegazioni o a rimuovere questo avviso privo di alcun fondamento logico.

10525793_190132254656526_3739802853122513216_n

Luciano Bonazzi> via Comitato Pridnestrovie -Transnistria-Russia https://www.facebook.com/Pridnestrovie.Transnistria.FederazioneRussa/timeline

Precedente “SALVATE IL SOLDATO MOHAMMED” jihadisti trasferiti dalla Siria allo Yemen su aerei NATO Successivo Nel lago Bajkal è caduto un meteorite