MASSACRO USA A MOSUL

0

MASSACRO USA A MOSUL

I Rambo dell’Aviazione USA colpiscono una scuola per ragazze a Mosul

Un Generale statunitense ha dovuto ammettere che le vittime della coalizione a guida USA, in tre giorni sono state di oltre 60 civili, molti i bambini e più di 200 civili sono stati feriti, alcuni gravemente.
Un aereo degli Stati Uniti il 21 ottobre ha colpito una scuola elementare femminile ad Al-Hajj Yunus, nel sud di Mosul.
Il 22 ottobre, i raid hanno colpito quartieri residenziali negli insediamenti di Karakosh a 20 chilometri a est di Mosul e Khaznah, 15 chilometri a est. L’air force degli Stati Uniti il 23 ottobre ha lanciato bombe sugli insediamenti di Karakcharab, 17 chilometri a nord di Mosul, e Ash-Shura a 34 chilometri a sud.
0
Quel che resta di Mosul dopo i raid dei Rambo USA
È stato distrutto un gran numero di edifici civili e le vittime dei raid USA degli ultimi tre giorni sono in maggioranza civili, tra i quali molti bambini e più di 200 persone sono state colpite.
0
Elicottero Apache AH-64 in azione di bombardamento a tappeto
mccain-isis
Militanti dell’ISIS, addestati dagli USA

I militanti dell’ISIS, addestati dagli USA, utilizzano la tecnica dei rapidi spostamenti, passando dall’Iraq alla Siria. Intanto, in Siria, presso Day-ez-Zor 300 jihadisti sono stati eliminati da Russi e Siriani limitando ai minimi termini i danni collaterali sulla popolazione civile.
0
Quartiere residenziale colpito dai raid USA
La Russia sta monitorando attentamente la situazione irachena del confine con droni e altri strumenti di intelligence, e mostra preoccupazione per il comportamento della coalizione USA impegnata nella liberazione di Mosul.

Luciano Bonazzi

Fonti>
-http://www.ansa.it/
-http://www.ultimaedizione.eu/
0
Questo BLOG è schierato per il NO al referendum Costituzionale Renziϟta

GEOPOLITICA

Informazioni su Luciano Bonazzi

Writer, traveler, Pastor & Protestant Missionary, I deal with geopolitics, various news, social issues, disabilities. / Scrittore, Viaggiatore, Pastore Protestante Missionario. Mi occupo di Geopolitica, notizie varie, tematiche sociali, disabilità.

Precedente I tedeschi lasciano la Germania "in massa" Successivo Situazione operativa sui fronti siriani al 24-10-2016 by Stefano Orsi