Lo scopo delle giornate mondiali? Superare il Calendario gregoriano

5z4
Lo scopo delle giornate mondiali? Il tentativo dei globalizzatori di annientare il Calendario Cristiano

Il 19 gennaio è il 19° giorno del Calendario gregoriano e indica che mancano 346 giorni alla fine dell’anno (347 negli anni bisestili). Negli Stati Uniti si celebra per consuetudine il Martin Luther King Day in ricordo del
pastore battista, Premio Nobel per la pace e Leader per i diritti civili; cattolici e ortodossi ricordano le sante Archelaide, Tecla e Susanna, Sant’Arsenio di Corfù vescovo e una lunga pletora di santi e beati: Ebbene, per le Nazioni Unite il 19 gennaio è la Giornata Internazionale del popcorn.
Il 17 ottobre, Sant’Ignazio di Antiochia vescovo e martire, oltre alla solita schiera di santi, ma anche: anno 1777) le Truppe americane sconfiggono i britannici nella Battaglia di Saratoga, 1849) muore alle due del mattino a Parigi il compositore Fryderyk Chopin, 2011) la cometa Elenin transita molto vicino alla Terra… e tanti altri eventi. Invece, nello stesso giorno, si celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della povertà, forse auspicando che ciò accadrà, sicuramente non in un mondo proprietà privata di 62 persone. Abbiamo inoltre la Giornata Mondiale del teatro di figura, cioè l’arte teatrale che utilizza burattini e pupazzi, e che cade il 21 marzo. Imperdibile la celebrazione del 19 giugno, la Giornata della natica (avete letto bene, NATICA, non NAUTICA).
5z3
21 marzo, Giornata Mondiale della natica
Il Calendario gregoriano celebra ogni giorno più d’un santo o una ricorrenza civile, che può riguardare Cristiani di varie denominazioni o eventi storici di un paese. Va detto inoltre, che anche noi, che cattolici non siamo, ci chiediamo: Che ne sarà dei santi del calendario?
Essendo nati e cresciuti in uno stato a maggioranza cattolica, non abbiamo mai visto nulla di sbagliato a trovare santi in calendario, al limite a titolo personale ci farebbe piacere trovarci il sopracitato Martin Luther King, magari Lutero stesso, Pietro Valdo, meglio ancora Miguel Serveto e visto che l’Europa, originariamente pagana, divenne giudaico-cristiana, se anche si aggiungessero talune ricorrenze di entrambe le fedi non troveremmo nulla da ridire.
5z3
In ogni caso, i santi cristiani, donne o uomini che fossero, possono rappresentare esempi di vita, onestà, perseveranza, pertanto non vi è nulla di negativo sapere che oggi è san Paolo, illuminato sulla via di Damasco, o san Francesco che ammansiva il lupo ecc.
Invece, ci alziamo la mattina, sintonizziamo l’apparecchio su radio-Rai o altri canali generalisti e scopriamo che oggi è una giornata mondiale dedicata, nel 90% dei casi, a qualche insulsaggine global. Ovviamente, nelle menti di chi s’inventa queste ricorrenze mondialiste, si vuole inculcare nei cervelli delle greggi umane, l’illusione di appartenere a una comunità, di “cittadini del mondo”, che celebra in giorni diversi, il vuoto assoluto in menti ottuse dal Nuovo Ordine Mondiale.
Per chi poi sostenesse che l’uomo globale, sbarazzandosi delle proprie tradizioni diverrà “libero”, rispondiamo che tale non sarà, avrà solo cambiato il solito padrone, con un nuovo padrone ben più subdolo.
Personalmente e da ex-settantasettino, cominciammo a dubitare, prendendo coscienza del fatto che certe battaglie di “libertà”, erano organizzate e finanziate da chi aveva interesse a modificare i costumi delle masse a proprio vantaggio.
5z3
In conclusione, se i Santi del Calendario gregoriano non c’infastidiscono, lo stesso non può dirsi della Giornata Mondiale dell’Hijab, 1 febbraio, simbolo di sottomissione della donna all’uomo il cui epiteto più stupefacente (un anacoluto) è: Un’Hijab per la pace: Quale Pace? Non basta la parola!

Luciano Bonazzi

Fonti>
-http://www.un.org/depts/dhl/un_conf.htm
-https://philippehua.com/2016/05/22/la-kyrielle-des-journees-mondiales/
-http://miguelservet.org/
-http://www.fondazionevaldese.org/
-http://worldhijabday.com/

GEOPOLITICA

Informazioni su Luciano Bonazzi

Writer, traveler, Pastor & Protestant Missionary, I deal with geopolitics, various news, social issues, disabilities. / Scrittore, Viaggiatore, Pastore Protestante Missionario. Mi occupo di Geopolitica, notizie varie, tematiche sociali, disabilità.

Precedente La sinistra britannica ha un piccolo problema di antisemitismo Successivo In Germania, i musulmani perseguitano i rifugiati cristiani