La Russia vuole rendere pubblica la posizione dei satelliti militari USA

5z
La Russia vuole rendere pubblica la posizione dei satelliti militari USA

La Russia vuole rendere disponibile al pubblico il suo repertorio di oggetti orbitanti vicino alla Terra e le sue informazioni relative ai satelliti militari statunitensi.
Il materiale russo non includerà unicamente informazioni relative a satelliti civili e detriti spaziali, ma anche i dati segretati dal comando americano della difesa spaziale. Lo ha annunciato Viktor Chiline, capo della delegazione russa alla 59^ sessione del Comitato delle Nazioni Unite sull’uso dello spazio per scopi pacifici, al quotidiano russo Izvestia.
Oltre ai siti militari del NORAD, saranno resi pubblici i dati sui satelliti militari di Francia, Germania, Israele, Giappone, ma anche tutte le informazioni sugli stessi satelliti militari russi.

Mosca propone di consolidare tutti i dati riguardanti le singole nazioni in un’unica directory pubblica, accessibile a tutti i paesi impegnati in attività spaziali. Il sistema russo fornirà informazioni su eventi potenzialmente pericolosi nello spazio e sulla Terra, consentendo inoltre di evitare possibili attacchi missilistici.
La Cina ha accolto con favore l’iniziativa, ma “stranamente”, gli Stati Uniti si sono detti contrari: che vogliano preservare il loro monopolio nello spazio vicino alla Terra?
Alcuni dei partecipanti alla sessione, hanno dichiarato che gli americani sembravano alquanto scontenti dopo aver appreso che i russi avrebbero rese pubbliche le informazioni sui loro satelliti militari.
5z
Logo del satellite spia americano NRO: Il polpo che stringe fra i suoi tentacoli il mondo
“Gli americani non dovrebbero preoccuparsi per la pubblicazione dei dati orbitali dei loro satelliti militari”, ha concluso sorridendo il capo della delegazione russa Viktor Chiline.

Luciano Bonazzi

Fonti>
-http://izvestia.ru/
-https://neovitruvian.wordpress.com/
-http://reseauinternational.net/

Precedente No al McDonald in Piazza Duomo a Firenze Successivo Il Libano chiede l'appoggio dell'Armata Russa