Il Regime di Kiev invia nel Donbass Mercenari Polacchi

04
Di Donbass e sud-est dell’Ucraina ci occupiamo con particolare interesse e da tempo, volendo approfondire invitiamo alla lettura dei seguenti articoli:
Il conflitto Ucraino una guerra creata da CIA e UE, le differenze tra Ucraini e Russofoni. (Pubblicato il 20 dicembre 2015) http://lucianobonazzi.altervista.org/il-conflitto-ucraino-una-guerra-creata-da-cia-e-ue-le-differenze-tra-ucraini-e-russofoni/
HEIL MEIN NATO! L’UCRAINA “VIVAIO” DEL RINASCENTE NAZISMO IN EUROPA (Pubblicato il 6 gennaio 2016) http://lucianobonazzi.altervista.org/heil-mein-nato-lucraina-vivaio-del-rinascente-nazismo-in-europa/
L’Ucraina rappresenta uno dei laboratori occidentalisti nei quali NATO e UE (finanziando rivoluzioni arcobaleno e altrove primavere arabe o africane) cercano di annettere nuovi territori al progetto del Nuovo Ordine Mondiale.
04

Uno dei nove carri armati dell’esercito Tedesco inviati dalla Cancelliera Merkel a caccia di Ucraini Russofoni
In Ucraina, a colpire sono il finanziamento, l’insediamento e l’addestramento di un regime Nazista (Altrove si finanziano terroristi islamici che poi creano un Califfato).
mccain-isis
In Ucraina abbiamo il Battaglione Nazista Azov che va in giro a caccia di Russofoni ed Ebrei, i mercenari Black Water introdotti da Mc Caine e ora, mercenari Polacchi, che in quanto a nostalgie Naziste non sono del tutto ingenui.
002
Ucraina, soldato del Battaglione Azov, immagine RAI TG2

Il fatto che, da un lato il regime neo-Nazista di Kiev impieghi Mercenari, ma anche volontari neo-Nazisti provenienti da Germania, paesi Scandinavi, USA, UK, Spagna e Italia,
04
Volontari occidentali neo-Nazisti a Kiev
vede dalla parte opposta una forte presenza di Volontari Internazionali che ispirandosi a Che Guevara e a Ernest Hemingway combattono al fianco dei Russofoni, alcuni di questi ogni tanto ci fa avere “Notizie dal Fronte”
04
Spartaco, combattente italiano nel Donbass video–> https://www.youtube.com/watch?v=XW2dpKKXx7k
Il rappresentante della Milizia del popolo della Repubblica di Lugansk, ha denunciato la presenza di mercenari Polacchi che si spostano su quattro veicoli con la scritta “Sciacalli” e la decalcomania d’una zampa di lupo.
polski30
Mercenari Polacchi
Il vice comandante dello stato maggiore delle milizie della Repubblica popolare di Donetsk Eduard Basurin, ha detto ai giornalisti che a Mariupol, città del Donetsk, si era registrata la presenza di 150 “soldati” polacchi.
“Nella zona di Novoaydarsky sono arrivati 40 mercenari polacchi, che si muovono su quattro vetture Toyota Tundra”
04
Igor Yaschenko, vice comandante della Milizia Popolare della Repubblica Popolare di Lugansk
Anche in questo caso le auto dei mercenari hanno i simboli caratteristici della zampa di lupo e la scritta “Sciacalli”, la divisa è contraddistinta da strisce bianche e rosse.
“Prendiamo atto del fatto che Kiev non è intenzionata a risolvere il conflitto pacificamente, le violazioni agli accordi di Minsk, in particolare sull’immediato cessate il fuoco a partire dalla mezzanotte del 14 gennaio, vengono sistematicamente violate” ha concluso Igor Yaschenko, vice comandante della Milizia Popolare della Repubblica Popolare di Lugansk.

Luciano Bonazzi

Fonti>
-FAUSTO BILOSLAVO – http://www.occhidellaguerra.it/gli-uomini-neri/
-http://it.sputniknews.com/
-http://realukraine.tk/
-https://dninews.com
-comunicati.russia.it

2 thoughts on “Il Regime di Kiev invia nel Donbass Mercenari Polacchi

  1. Olga Druzgynina il said:

    Perché non raccontate dei foreign fighters italiani che dopo essere addestrati in Russia vanno a Donbass ad ammazzare gli ucraini? Lo sapete vero? Siete patetici

    • Invece dei “Volontari della Libertà” italiani, statunitensi, francesi, spagnoli, brasiliani etc., ne abbiamo parlato ampiamente. Non sono stati addestrati in Russia e molti di loro li conosciamo personalmente. emulano i “Volontari della Libertà” alla Ernest Hemingway, che combatterono contro Franco in Spagna. Gli articoli sul Donbass e il regime nazista di Kiev li trova tutti qui–> http://lucianobonazzi.altervista.org/?s=donbass

      Quelli italiani sono discendenti di famiglie partigiane come la mia e combattono gratuitamente.