Gramsci, Voronoff, Mengele: l’utero in affitto e l’egoismo…

01

Gramsci, Voronoff, Mengele: l’utero in affitto e l’egoismo della pseudo-sinistra Radical-Chic

“Il dottor Voronof ha già annunziato la possibilità dell’innesto delle ovaie. Una nuova strada commerciale aperta all’attività esploratrice dell’iniziativa individuale. Le povere fanciulle potranno farsi facilmente una dote. A che serve loro l’organo della maternità? Lo cederanno alla ricca signora infeconda che desidera prole per l’eredità dei sudati risparmi maritali. Le povere fanciulle guadagneranno quattrini e si libereranno di un pericolo. Vendono già ora le bionde capigliature per le teste calve delle cocottes che prendono marito e vogliono entrare nella buona società. Venderanno la possibilità di diventar madri: daranno fecondità alle vecchie gualcite, alle guaste signore che troppo si sono divertite e vogliono ricuperare il numero perduto.

I figli nati dopo un innesto? Strani mostri biologici, creature di una nuova razza, merce anch’essi, prodotto genuino dell’azienda dei surrogati umani, necessari per tramandare la stirpe dei pizzicagnoli arricchiti. La vecchia nobiltà aveva indubbiamente maggior buon gusto della classe dirigente che le è successa al potere. Il quattrino deturpa, abbrutisce tutto ciò che cade sotto la sua legge implacabilmente feroce.
02
La vita, tutta la vita, non solo l’attività meccanica degli arti, ma la stessa sorgente fisiologica dell’attività, si distacca dall’anima, e diventa merce da baratto; è il destino di Mida, dalle mani fatate, simbolo del capitalismo moderno.”

(Antonio Gramsci, 6 giugno 1918)

02
Serge Voronoff (Voronež, 10 luglio 1866 – Losanna, 3 settembre 1951)
Serge Voronoff è stato un chirurgo e sessuologo russo naturalizzato francese che, riprendendo gli esperimenti di endocrinologia dell’austriaco Eugen Steinach, divenne famoso negli anni venti per il suo metodo di ringiovanimento maschile consistente nell’innesto di testicoli di scimmia.
02
Sala operatoria di Villa Voronoff
Tra i tanti esperimenti il primo trapianto di ovaie su una pecora effettuato con successo. Nel 1913, affrontando il caso di Jean G., affetto da cretinismo, Voronoff si convince che il suo cervello è normale, ma che il paziente è destinato a restare un idiota perché le cellule del suo cervello non possono funzionare senza l’ormone secreto dalla ghiandola tiroide. Consultatosi coi genitori, decidono insieme l’innesto di una ghiandola prelevata da uno scimpanzé.
02
12 giugno 1920, primo trapianto ufficiale di ghiandola di scimmia in un corpo umano
Condusse molti esperimenti nel Castello Voronoff a Grimaldi di Ventimiglia, morì a Losanna il 3 settembre 1951, all’età di ottantacinque anni.

012
Il dott. Josef Mengele

Josef Rudolf Mengele (Günzburg, 16 marzo 1911 – Bertioga, 7 febbraio 1979) medico e militare tedesco. Laureato in antropologia all’Università Ludwig Maximilian di Monaco di Baviera e in medicina alla Johann Wolfgang Goethe-Universität di Francoforte, è noto per gli esperimenti medici di eugenetica che svolse ad Auschwitz, usando i deportati, compresi i bambini, come cavie umane. Fin da giovane Mengele era ossessionato dal futuro, voleva diventare un medico ricordato per le sue scoperte. Si laureò dapprima all’Università Ludwig Maximilian in antropologia nel 1935, con una tesi sulla ricerca morfologico-razziale sul settore anteriore della mandibola in quattro gruppi di “razze”.
Nel 1938 si laureò in medicina, presentando una tesi intitolata “Ricerche sistematiche in ceppi familiari affetti da cheiloschisi o da fenditure mascellari o palatali”. Mengele si dedicò agli studi con fermezza, la sua tesi di laurea ottenne anche un discreto successo all’interno della comunità scientifica. Nell’aprile 1943 venne promosso al grado di capitano delle SS, riprese i contatti col suo mentore, von Verschuer, che si occupava di antropologia, genetica umana ed eugenetica all’Istituto Kaiser Guglielmo di Berlino, infine venne trasferito ad Auschwitz.
Nel campo di concentramento di Auschwitz, portò avanti i primi studi e ricerche, durante i 21 mesi di permanenza ad Auschwitz, si dice salvasse bimbi gemelli dalla camera a gas per analizzarli. Uno dei tratti caratteristici di Mengele era l’estrema attenzione per i dettagli, l’efficienza e la cura dei particolari in ogni cosa facesse, oltre a un’attenzione maniacale per l’igiene.
L’obiettivo di Mengele, consisteva proprio nel riuscire a effettuare esperimenti sulla trasmissione dei caratteri e nell’ambito dell’eugenetica. I suoi studi nei Lager si concentrarono sul fondamento biologico dell’ambiente sociale, la trasmissione dei caratteri, i tipi “razziali” e le persone con elementi di anormalità. Delle sue ricerche nel campo di concentramento, Mengele teneva sempre informato il suo ex professore universitario, Von Verschuer, inviando all’istituto di biologia “razziale” di Berlino, esemplari e relazioni.
I suoi esperimenti proseguirono fino alla sconfitta della Germania Nazista, Mengele riuscì a fuggire in Brasile dove visse visse fino alla morte. Non si sa se in Brasile sviluppò le sue ricerche in campo eugenetico, comunque visse fino all’età di 67 anni. La causa del decesso fu un attacco cardiaco mentre nuotava a pochi metri dalla riva dell’oceano Atlantico, nel 1979. Fu sepolto nel cimitero di Nostra Signora del Rosario, a Embu das Artes, sotto la falsa identità di Wolfgang Gerhard. Nel 1985 venne scoperto il suo corpo, nel 1992 la salma fu riesumata e il suo DNA confrontato con quello del fratello. L’esame accertò, con una probabilità del 99,69%, che si trattava del dott. Josef Mengele. Una curiosità, prima di morire, ebbe modo di veder realizzati due film ispirati a lui: Il maratoneta del 1976 e I ragazzi venuti dal Brasile nel 1978.

L’argomento e i personaggi trattati ci hanno infine ricordato lo strano caso accaduto negli USA e documentato nel seguente articolo risalente al 6 settembre 2015: COPPIA LESBICA FA CAUSA PERCHÉ LA BIMBA È NERA. TRIBUNALE RESPINGE PERCHÈ È SANA …la richiesta dei 50mila dollari di danni di risarcimento venne respinta. Brutta faccenda il Razzismo! NDR
http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Usa-coppia-lesbica-fa-causa-il-bimbo-nero-Tribunale-respinge-perche-bambino-sano-971bade3-ff12-4045-912a-45bc8069c7ca.html

I commenti sono chiusi.