Chi finanzia gli islamisti “Daech” di Raqqa? Fonti indiane sospettano (ANCHE) la Francia

1018106505

A quanto pare, i profitti ottenuti dai paesi Arabi nell’UE, tra questi la Francia, viene segretamente trasferito allo Stato Islamico. La Francia è stata quindi coinvolta nei finanziamenti diretti alla milizia Daech dello Stato Islamico (già fortemente sospettata di essere un reparto della NATO).
Lo dice Danvir Singh, Colonnello dell’esercito indiano, commentando il Presidente Vladimir Putin che accusa alcuni paesi del G20 di supportare finanziariamente i terroristi.

0
Il Colonnello Danvir Singh

La Francia non è innocente. Quel paese ha grandi interessi nell’area Mediorientale, in particolare in Siria ed è anche alleato esterno della NATO. Potendo agire autonomamente sappiamo che la Francia collabora attivamente con il reparto islamista Daech“.
Questa dichiarazione è stata raccolta dall’Agenzia di Stampa russa Sputnik, al termine dei negoziati del G20 di Antalya riunitosi lunedi 16 novembre 2015 dove è intervenuto con toni d’accusa il Presidente Russo Vladimir Putin.

1018106505
Putin e Obama al G-20 di Antalya

Prosegue il Colonnello Danvir Singh “Nel corso del Summit ho esposto notizie in possesso alla nostra intelligence, elencando le nostre informazioni sui diversi sistemi di finanziamento al reparto IS Daech da parte di 40 paesi, in parte alcuni rappresentati al G20. Lo stesso presidente russo ha portato notizie a conferma di quanto affermato dagli Indiani, accusando Stati Uniti, Arabia Saudita e altri paesi. Lo Stato Islamico si finanzia principalmente col petrolio e per praticare lo scambio i terroristi si appoggiano alla Turchia, paese membro della NATO, siccome gli Stati Uniti esercitano la leadership nell’Alleanza atlantica, sono essi a tirare i fili

1018954839
Campo d’addestramento dello Stato Islamico: Dove va il loro petrolio

L’esperto in sicurezza e giornalista Qamar Agha, non ha dubbi: “Gli Stati Uniti finanziano lo Stato Islamico anche attraverso il Pakistan e i paesi NATO del Golfo, i paesi Arabi stanno facendo massicci investimenti in Europa

B0sEpcICQAE0a4x
L’esperto in sicurezza e giornalista Qamar Agha

Prosegue Qamar Agha, “Il sistema per riciclare il flusso di denaro dello Stato Islamico, avviene tramite importanti investimenti nel mercato immobiliare Europeo o acquistando i marchi in crisi delle aziende dell’Europa meridionale. Messi così in sicurezza i capitali trasferiscono la quota spettante agli Islamisti Daesh. Potete trovare altre informazioni dettagliate anche tra i file dell’affaire Wikileaks e capire che le accuse lanciate da India e Russa sono più che plausibili”.

Luciano Bonazzi

Fonti>
-IDR Indian Defence Review, http://www.indiandefencereview.com/
-Dr. Qamar Agha, Middle East Expert http://www.zoominfo.com/p/Qamar-Agha/1155953587
-Sputnik Russia, http://www.sputnik.ru/
-Sputnik Francia http://fr.sputniknews.com/

Precedente Al Jazeera lancia un sondaggio sull'ISIS: l’81% per cento dei mussulmani pro-Isis Successivo Sacerdote Italiano ferito in Bangladesh