Aggiornamento flash del 23-3-2017 by Stefano Orsi


…………………………………………………………………………..
Situazione operativa sui fronti siriani

Dair Afir

Come auspicavamo ieri, le truppe siriane, circondando Deir Afir, hanno messo in chiaro le opzioni a disposizione dei miliziani ISIS, immagino il dialogo tra il comandante delle forze siriane e il suo corrispettivo del Daesh : “Opzione A, vi ritirate spontaneamente da Dair Afir, Opzione B, vi costringiamo ad arrendervi, vi suggerisco di scegliere l’opzione A”.
E così infatti è stato, già nella notte ci sono stati i primi contatti, ma subito è apparso chiaro a tutti che i terroristi non fossero per nulla intenzionati a resistere, conoscono bene la fama dei siriani, un patto stretto viene sempre osservato, l’esercito e le Unità Tigre sono rinomate sia per il valore sul campo di battaglia che per l’importanza della parola data anche ai nemici.

In queste ore sta avendo luogo la partenza delle truppe ISIS alla volta di Raqqa, troveranno un tratto di strada interrotto, ma facilmente aggirabile nel deserto, gli americani forse non ci avevano pensato, oppure si recheranno proprio ad attaccare queste forze di proiezione per difendere la loro pseudo capitale, lo vedremo forse già domani, di sicuro , al momento non si vede per un lungo tratto di strada una posizione dalla quale i terroristi jihadisti possano imbastire una resistenza credibile.
È una grande vittoria per le forze di Damasco che si sanno far temere da un nemico da sempre temerario come l’ISIS.
La vera battaglia vinta è quella che si vince senza neppure combatterla, e questa vittoria a Dair Afir è davvero grande!!
Le forze siriane stanno comunque liberando molti altri villaggi proseguendo nella loro marcia verso est, non ci vorrà molto tempo perchè si ricongiungano con le altre forze vicine alla base aerea e lungo le sponde del Lago Al Assad.
Fino a Makaha la strada non dovrebbe presentare ostacoli insormontabili.

Hama

Rallenta l’offensiva di Al Qaeda verso Hama, sono già confluiti in zona diverse unità di rinforzo, tra cui le Unità Tigre con il loro comandante il Gen. Hassan.
Stanno arrivando anche truppe del 5 corpo d’armata che sono addestrate e comandate da ufficiali russi, per capirci, sono le unità che hanno guidato la veloce riconquista di Palmira.
Sono in corso scontri a fuoco in vari punti, nelle prossime ore, se mantengono le collaudate tattiche, le truppe di al Qaeda dovrebbero tentare una fase due dell’offensiva cercando di avanzare ulteriormente su diverse posizioni.
Le truppe della Alleanza Hay’at Tahrir Al-Sham stanno ormai quasi circondando la città cristiana di Mxarde che spero riesca a resistere fino al prossimo arrivo dei rinforzi.
Il punto più avanzato in direzione di Hama resta da ieri Tel Hem Sheik

Link più esaustivi qui https://www.facebook.com/stefano.orsi.376/posts/997580400376173?pnref=story
http://sakeritalia.it/…/situazione-operativa-sui-fronti-si…/

Stefano Orsi

Precedente Prossimo obiettivo 30MILA firme!! Successivo Dona il tuo 5XMILLE 2016 alla Fondazione Lepanto